I Millennial italiani spendono meno per le vacanze

I Millennial italiani viaggiano sempre di più, ma spendono di meno

0
325

Quali sono le abitudini dei Millennial italiani per quanto concerne i viaggi? A delineare le preferenze di coloro che sono nati tra il 1981 e il 1996, secondo la definizione data dal Pew Research Center, è stata la società fintech Revolut sfruttando i dati ricavati  da un database composto da oltre 7 milioni di utenti.

Millennial: spendono meno per le vacanze ma cresce il numero di chi si mette in viaggio

Dallo studio di Revolut emerge un dato abbastanza articolato, secondo il quale i Millennial nel periodo considerato, quello tra gennaio 2018 e agosto 2019, hanno speso meno per le vacanze. Il taglio del budget in questione è infatti calato nell’ordine del 5%, passando da 42,20 a 40,30 euro al giorno.  Nello stesso periodo, però, è aumentato il numero di chi ha deciso di mettersi in viaggio, con una crescita del 23% in tal senso.

Millennial: quali le mete preferite?

Quindi, i Millennial spendono meno per i viaggi, ma al contempo cresce la percentuale di quelli che decidono di uscire dai confini nazionali. Per quali mete? I giovani italiani preferiscono Regno Unito, Stati Uniti, Spagna, Francia e Paesi Bassi, mentre disdegnano Cuba, Ecuador, Gibilterra, Nepal e Uruguay.
Per quanto riguarda le risorse impiegate, i Millennial tricolori spendono un massimo di 212,67 euro alle Maldive e un minimo di 25,25 in Polonia.

Millennial: quelli italiani sono tra i più oculati nella spesa

La ricerca di Revolut riserva un ultimo dato che andrebbe magari analizzato anche alla luce delle difficoltà dei Millennial italiani. I nostri giovani, infatti, sono tra quelli che spendono meno nel corso dei loro viaggi. Peggio di loro solo gli slovacchi (34,40 euro al giorno) e i lituani (35,80). Un dato che non desta eccessivo stupore, considerato come troppi giovani italiani si trovino alle prese con occupazioni precarie e stipendi sin troppo magri. Sul quale, magari, dovrebbe riflettere la politica italiana, che spesso si dimentica di questa fascia di popolazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here