Giuseppe Conte si è incontrato con Ursula Von der Leyen

Giuseppe Conte in missione a Bruxelles per spiegare le intenzioni del suo nuovo governo

0
240

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato Ursula Von der Leyen, il Presidente designato della Commissione Europea e del Consiglio uscente, Donald Tusk. Tra i temi principali toccati durante l’incontro, quello relativo alla gestione dei migranti.

Per Giuseppe Conte occorre uscire dalla gestione emergenziale

L’obiettivo che si pone il Premier italiano è quello di uscire da una logica emergenziale che penalizza soprattutto il nostro Paese. Per farlo, Giuseppe Conte punta su una gestione condivisa, in cui siano coinvolti anche i Paesi che sinora si sono rifiutati di fare la loro parte nell’accoglienza dei migranti. Proprio per questo motivo, dovrebbe essere messo a punto un piano temporaneo, cui affidare il compito di disciplinare meglio i flussi migratori. Chi deciderà di tirarsi fuori potrebbe essere penalizzato dal punto di vista finanziario e anche in maniera consistente.

Le assicurazioni di Giuseppe Conte sul deficit pubblico

Naturalmente l’incontro ha affrontato anche altri temi scottanti, a partire da quello relativo al debito pubblico. Dopo le tensioni degli scorsi mesi, stavolta Giuseppe Conte ha potuto presentarsi in maniera più distesa, trovando peraltro un’atmosfera più positiva. Il Presidente del Consiglio ha ribadito l’intenzione del nostro Paese di tenere sotto controllo i propri conti, ma di volerlo fare agendo su una crescita ragionata e su investimenti produttivi, in modo da non provocare tensioni sociali.

Giuseppe Conte punta su innovazione e Green economy

Infine Giuseppe Conte ha spiegato le intenzioni del suo nuovo governo in tema di innovazione e Green economy. Per quanto riguarda il primo aspetto, ha affermato che l’Italia punterà con forza sul digitale, ma che ci vorrà del tempo per ottenere risultati significativi. Riguardo alla Green economy ha invece sostenuto la necessità di un patto a livello europeo per andare in una direzione ormai ritenuta ineludibile. Un patto che dovrebbe porre tra i suoi obiettivi primari anche una notevole crescita occupazionale di cui il nostro Paese potrebbe giovarsi in maniera significativa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here